Qui ed Ora

Cammino a piedi nudi, la tiepida sabbia inebria l’istante e l’odore di salsedine lo rende perfetto.
Si, la sabbia, con la sua consistenza friabile è colei che innesca la magia.
La camminata si fa lenta e consapevole, profondamente attenta a quelle percezioni tattili.
Lo sguardo rivolto alle radici.
Non mi trovo più all’interno del mio corpo,
non mi trovo fuori dal corpo,
sono in entrambe i luoghi contemporaneamente.
La percezione del tempo svanisce, l’attimo diviene pari all’eternità.
Si leva lo sguardo verso il mare,
verde smeraldo e blu notte si dividono riva ed orizzonte in un brulicare di colori mai percepiti così vivi e lucenti.
La terra al confine splende di luci ed ombre che posso osservare nel dettaglio,
sono in estasi.
Il calore emanato dal sole mi riempie la schiena e, una ad una, ogni cellula.
Il vento accarezza e purifica la mia aura.
Cammino, lentamente, fuori e dentro me,
percepisco la sostanza densa farsi spazio al mio passaggio, lasciando dietro una scia;
mi volto a destra e l’acqua mi mostra visivamente ciò che vivo percettivamente,
sorrido e ringrazio.
Cammino, lentamente, fuori e dentro me,
ritrovo antichi profumi di terra e macchia mediterranea,
mentre lo sguardo si libra tra il verde intenso delle foglie, ai margini della via.
Vedo i corpi delle persone così ben definiti, così tanto terreni.
Le abitazioni, le auto, mi raccontano storie e gli odori che ogni cosa emana mi rivelano antichi segreti, nascosti disagi esistenziali.
Cammino, lentamente, fuori e dentro me,
mi interrogo,
una voce risponde: “Sei nel Qui ed Ora”.
Cammino, lentamente, fuori e dentro me,
gli alberi si agitano al ritmo incessante del vento e di nuovo si mostrano a me i più meticolosi dettagli,
sfumature di colore iridescente,
luci ed ombre.
E… cammino, fuori e dentro me.

About Veronica Ferreri